ESSERE SOCIO

 

"Nell’esercizio della sua attività, la Società si ispira ai principi dell’insegnamento sociale cristiano e ai principi cooperativi della mutualità senza fini di speculazione privata. La Società ha lo scopo di favorire i soci e gli appartenenti alle comunità locali nelle operazioni e nei servizi di banca, perseguendo il miglioramento delle condizioni morali, culturali ed economiche degli stessi e promuovendo lo sviluppo della cooperazione, l’educazione al risparmio e alla previdenza, nonché la coesione sociale e la crescita responsabile e sostenibile del territorio nel quale opera.
La Società si distingue per il proprio orientamento sociale e per la scelta di costruire il bene comune. E’ altresì impegnata ad agire in coerenza con la Carta dei Valori del Credito Cooperativo e a rendere effettivi forme adeguate di democrazia economico-finanziaria e lo scambio mutualistico tra i soci nonché la partecipazione degli stessi alla vita sociale."

(Statuto, Art. 2 - Principi ispiratori)

 

Banca Cremasca è una Società Cooperativa per azioni, la cui essenza e ragion d’essere sono i Soci. Un elemento che da sempre la contraddistingue è la mutualità, sia come principio ispiratore ideale sia in termini operativi.

Banca Cremasca, pur essendo aperta a tutti, esercita prevalentemente la propria attività con i Soci, riconoscendo loro dei vantaggi.

Altro principio fondante per ogni BCC è la partecipazione democratica di ogni Socio alla sua amministrazione, secondo la regola “una testa: un voto”. Infatti, in occasione delle Assemblee, ciascun Socio ha diritto ad un solo voto indipendentemente dal numero di azioni possedute. 

Essendo una cooperativa bancaria che opera localmente, Banca Cremasca è realmente più vicina ai suoi Soci. Secondo il principio del localismo possono infatti far parte della compagine sociale le persone fisiche e giuridiche, le società di ogni tipo regolarmente costituite, i consorzi, gli enti e le associazioni che risiedono o svolgono la loro attività in via continuativa nella zona di competenza territoriale della Banca. In questo “habitat” ideale gli utili dell’Istituto vengono realmente reinvestiti e ridistribuiti sul territorio cremasco.